I mobili Ingresso: la prima immagine della casa

I mobili dell’ingresso sono la prima immagine che possiamo dare della nostra casa, e sono anche la prima occasione che abbiamo di presentarci a chi viene a farci visita.

Per questo motivo bisogna sceglierli con cura e pensare che l’ingresso non è una semplice stanza di passaggio, ma il primo spazio che dà il benvenuto alle persone che ospitiamo e a noi quando rientriamo e quindi deve essere comodo e accogliente quanto tutte le altre camere di casa.

I mobili dell’ingresso: di quali non fare a meno?

Per quanto possa sembrare eccessivo dirlo, a ben pensarci ci sono dei mobili dell’ingresso più necessari rispetto ad altri. Certo il modo in cui li si sceglie per quanto riguarda lo stile è puramente soggettivo, ma ce ne sono alcuni che sono universalmente riconosciuti come utili e indispensabili.

 


Ad esempio, che cosa sarebbe l’ingresso senza un appendiabiti e uno specchio? Sono questi probabilmente i mobili dell’ingresso più diffusi nelle case.
L’appendiabiti è necessario soprattutto per chi deve uscire di fretta ed è sempre alla ricerca veloce della giacca o della sciarpa, ma è utile anche per evitare che gli indumenti si spargano inutilmente per casa quando si arriva, lasciandoli magari sulle sedie e sul divano a far disordine.

Lo specchio invece è perfetto per i vanitosi e per tutti quelli che non possono fare a meno di dare uno sguardo alla propria immagine prima di uscire. A parte ciò, uno specchio ben collocato può dare migliore prospettiva ad un ingresso piccolo e farlo sembrare più “profondo”.

Mobili dell’ingresso: gli aggiuntivi

Quando l’ingresso non è troppo piccolo, con i suoi mobili ci si può sbizzarrire di più e si possono quindi fare altre scelte per quanto riguarda l’arredamento.
Un mobile che spesso si sceglie di collocare nell’ingresso è la scarpiera, perché generalmente ha un aspetto discreto che ben si adatta alla stanza e in più è comoda e funzionale, permettendo di raccogliere le scarpe della famiglia.


Tra i mobili dell’ingresso rientrano anche i mobiletti per il telefono, che sono stati sempre meno scelti con il diffondersi di cordless e cellulari, e le cassettiere, che soprattutto in passato erano la gioia delle signore che ci mettevano dentro le cose che non si sapeva in quale altro posto collocare altrimenti.

Qualche quadro alle pareti, qualche pianta e i colori mescolati con gusto ed ecco l’ingresso perfetto: benvenuti a casa!

Articoli a tema

Iscriviti alla newsletter